PROGRAMMA DI SALA. MUSICA DAI FRONTI DELLA GRANDE GUERRA.

PROGRAMMA  DI SALA
MUSICA DAI FRONTI DELLA GRANDE GUERRA

canti popolari, canzoni, opere colte e letture
provenienti dalle varie culture in guerra tra loro

domenica 11 ottobre, ore 16:00
salone ovale di Villa Sorra

La ragazza neutrale (1914)
(Colombino Arona – G. Corvetto)

Sui monti Scarpazi
(Anonimo, canto dei soldati trentini)

Tommaso Marinetti
“Guerra sola igiene del mondo”
(da “I Meridiani”, Teoria e invenzione futurista, 1909)
Studenti Italiani!

La tradotta che parte da Torino (1918)
(Anonimo)

Erich Maria Remarque
Da: Niente di nuovo sul fronte occidentale

In Flanders – Nelle Fiandre (1917)
(Ivor Gurney – F. H. Harvey)

Prati sul fiume Severn (1917)
(Ivor Gurney)

Giuseppe Denti (Cremona 1882 – 1977)
Sober, fronte dell’Isonzo, 24 dicembre 1916

Fuoco e mitragliatrici (1917)
(di Anonimo, su “Sona Chitarra” di De Curtis)

Maurice Ravel
(lettera inviata all’amico Jean Marnold il 4 -4- 1916)

Trois beaux oiseaux du Paradis (1916)
(Maurice Ravel)

Le Noël des enfants qui n’ont plus de maisons (1915)
(Parole e musica di Claude Debussy)

Siam prigionieri
(Anonimo trentino)

La leggenda del Piave (1918)
(Autore del testo e della musica: E.A. Mario)

Emilio Lussu
da: “Un anno sull’altipiano”

Gorizia (1916)
(Anonimo)

Faustino Pinelli di Montichiari (Brescia)
Bracciante classe 88, soldato del 111° fanteria
(dall’ultima lettera alla moglie prima di cadere al fronte)

La campana di san Giusto (1915)
(Colombino Arona)

O surdato ‘nnamurato (1915)
(Enrico Cannio – Aniello Califano)

Domenica 11 ottobre il Programma

 

Lascia un commento